Bin laden ucciso dalle Guardie del Corpo

BIN LADEN UCCISO DALLE SUE GUARDIE DEL CORPO

Osama Bin Laden sarebbe stato ucciso da una delle sue guardie del corpo e non dai militari americani.

 

Lo riferisce il quotidiano pachistano Dawn, citando una fonte della Jama'a Jihad pachistana. Secondo quanto scrive il giornale di Karachi Osama ''era scortato da due guardie del corpo che avevano l'ordine di ucciderlo nel caso in cui fosse stato messo in pericolo da soldati nemici''. Questo, ha spiegato la fonte, perche' ''il leader di al-Qaeda non voleva in alcun modo finire prigioniero nelle mani degli americani ed essere torturato''. Non esistono immagini del cadavere di Osama Bin Laden, né la Casa Bianca è intenzionata a mostrarle. Per motivi di sicurezza pubblica, dicono a Washington, per paura che la visione del corpo trucidato del leader di Al Qaeda possa scatenare vendette e ritorsioni oltre a quelle che già ci si aspetta.

Sono state mostrate però alcune foto di due guardie del corpo di Bin Laden uccise durante il blitz, scattate, pare, da un ufficiale pachistano giunto sul posto dopo che gli americani erano andati via. Intanto è stata fatta anche una ricostruzione al computer del blitz dei Navy Seals, i reparti speciali super addestrati dei marine, mostrata dalle televisioni americane e adesso giunta anche in Italia. Sembra di assistere a uno dei tanti film hollywoodiani, magari a quelli di Rambo, e fa un certo effetto invece sapere che queste immagini, sebbene fittizie, si riferiscano a una azione davvero accaduta. Si vedono gli elicotteri americani giungere di notte sopra al rifugio di Osama, le guardie del terrorista colpire uno degli elicotteri, i marines scendere dal cielo e irrompere nella casa. Quindi gli scontri corpo a corpo e il cadavere di bin Laden che viene portato via. (sarà vero?)

 

ECCO IL VIDEO

 

 

Il sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi e se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina cliccando qualunque suo elemento acconsenti all uso dei cookie.