Bodyguard Security e riconoscimento giuridico

 Bodyguard Security e riconoscimento giuridico

sicurezza_in_discoteca

Tutti conosciamo il nuovo Decreto Ministeriale del 6 Ottobre 2009 attraverso il quale si intende disciplinare i cosiddetti "Operatori Security" (impropriamente detti buttafuori), ossia coloro che svolgono servizi di controllo per le attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi. Non tutti sanno però..........

 

che tale Decreto rappresenta oggi un punto di svolta fondamentale per tutto il settore della sicurezza privata. Si è svolto a Bologna il 7 febbraio scorso un convegno molto interessante e che devo dire mi ha colpito molto. Premesso che è da tempi ormai remoti che sento parlare di riconoscimento giuridico, associazioni, sindacato etc... e che le inutili riunioni che negli anni si sono susseguite hanno fatto in modo che mi allontanasi definitivamente da certe diatribe poco producenti oggi, dopo aver analizzato con attenzione tutti i contenuti del Convegno, sono arrivato alla felice conclusione che siamo veramente vicini alla tanto attesa soluzione legislativa ecco perchè:

  • Per la prima volta un sindacato ufficiale l' UGL è riuscito a far approvare un contratto (CCNL) serio per la categoria dell'operatore security e per le investigazioni.

  • Possibilità interessante a usufruire di una vasta gamma di servizi (vedi Fonditalia sotto) messi a disposizione da Federterziario (Confederazione di Associazioni datoriali operanti nel settore terziario)

  • Con L'istituzione dei Fondi Paritetici Interprofessionali (nel nostro caso Fonditalia) si realizza quanto previsto dalla legge 388/2000, che consente alle imprese di destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all'INPS (il cosiddetto"contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria") alla formazione dei propri dipendenti.

  • Possibilità di accedere a corsi professionali seri e ben strutturati che prevedano le problematiche tipiche del nostro settore. Infatti, A.R.M. Formazione ha avviato una rete nazionale di collaborazioni direttamente con professionisti della Security per quanto riguarda le Docenze.

  • E' previsto inoltre il supporto del SIULP (noto Sindacato di Polizia).

  • Infine, e questo a mio avviso è il punto più importante, la neo AISS (Associazione Italiana Sicurezza Sussidiaria), si propone come punto di riferimento, supporto e interlocutore unico per tutto il settore Security.

Come potete ben capire tutto ciò fin quì descritto rappresenta un' occasione unica per l'ordinamento dei servizi di security non armati e per le investigazioni, ma sopratutto fà intuire che il prossimo passo sarà quello del riconoscimento giuridico della Guardia del Corpo che da moltissimi anni inseguo con tenacia e caparbietà.....prometto di impegnarmi a fondo perchè questo accada in tempi brevi....

Carmelo Scicolone




 

Il Sito Web utilizza cookie tecnici e analytics per migliorare la navigazione. Al seguente link potrà essere negato il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello steso comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.