Macchine Blindate

macchina
Semiauto, revolver, fucili a pompa e perfino i micidiali kalashnikov non fanno paura se si viaggia a bordo di un’automobile blindata B6/B7. Vezzo di alcuni neo ricchi  dell'est-europeo, necessità per chi deve affrontare zone a rischio attentato, ma semplice strumento di lavoro per chi svolge attività particolari (rappresentanti di preziosi, banchieri, diplomatici, eccetera) anche nei Paesi più tranquilli del  Mondo. I maggiori clienti di chi vende questo prodotto sono Sud-americani in un settore dove leader mondiali sono gli statunitensi della Armor  con il loro marchio specializzato Centigon. Una Holding che dal 1982 al 2002 ha assorbito varie aziende del panorama blindature. per diventare n°1 al Mondo. Chi necessita di un veicolo blindato ha davanti a sé due possibilità, entrambe valide: sceglierne uno direttamente dalla casa automobilistica, oppure rivolgersi a società specializzate, per lavori personalizzati e magari blindature con più alti "livelli di protezione" (spiegati ai miei corsi per Bodyguard). A offrire veicoli già corazzati in origine sono soprattutto i marchi di lusso tedeschi, che hanno in gamma alcuni modelli di fascia alta. Un esempio sono le Classe E e S della serie ‘Guard’ by Mercedes-Benz, oppure la Audi A8 ‘Security’, così come le Serie 7 ‘Protection’ fabbricate da Bmw. In Italia, l’azienda leader nelle blindature è la Repetti di Casale Monferrato. Sue le vetture blindate in uso a molte alte cariche dello Stato (ma non solo), grazie anche ai rapporti di lunga data con il Gruppo Fiat. Sì ma come si blinda un’auto? In pratica si “rifodera” internamente tutto l’abitacolo con acciaio balistico o materiali sintetici d’avanguardia come il Dyneema (lo stesso usato per i Giubbetti antiproiettile). Polimeri che vengono prima filati e poi tessuti in modo non convenzionale (ossia adagiati a 90 gradi #), per evitare che i proiettili s’infilino fra trama e ordito. Quindi tutti gli strati vengono compressi ad altissima pressione, per creare così un pannello semirigido il cui peso è mediamente il 35 per cento inferiore a quello dell’acciaio, ma con spessori 6-7 volte maggiori. Blindati anche i vetri mai temperati, perché diventerebbero completamente bianchi al primo proiettile sparatogli dentro, e utilizzati in spessori compresi tra 25 e 65 millimetri. Indispensabile poi anche un sistema antiforatura per i pneumatici, che consenta di marciare ad andatura sostenuta nonostante le gomme crivellate di colpi: “Un veicolo immobile è di per sé già in pericolo. La risposta arriva dalla Runflat International Ltd, azienda britannica specialista del settore che un quarto di secolo fa ha brevettato un sistema con anima interna in materiale sintetico balistico, ora accoppiato a un impianto di monitoraggio della pressione, per viaggiare spediti e sicuri anche con i pneus a terra. Per quanto riguarda i costi di una vettura blindata vi garantisco che è quasi come comprarne due uguali, anche se  molto dipende dal livello di blindatura.
Un caloroso Abbraccio Carmelo Scicolone
Il Sito Web utilizza cookie tecnici e analytics per migliorare la navigazione. Al seguente link potrà essere negato il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello steso comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.